Navigazione linguistica

Soccorso Alpino Svizzero, alla pagina iniziale

Percorso di navigazione

Comandi del carosello

Carosello

La pubblicazione «soccorritore alpino»

Left content

Il Soccorso Alpino Svizzero pubblica il «soccorritore alpino», una rivista tramite cui vengono comunicate innovazioni, diffuse informazioni, illustrate tendenze e presentate le forme di collaborazione con le varie ditte e organizzazioni partner. La rivista esce due volte all’anno in tedesco, francese ed italiano e funge anche da piattaforma d’identificazione per le soccorritrici e i soccorritori alpini.
Il «soccorritore alpino» viene inviato per posta a maggio e a dicembre a tutti i membri delle stazioni di soccorso nonché alle organizzazioni partner. È disponibile anche in forma elettronica.
Se desiderate ricevere una copia stampata della nostra rivista, siamo lieti di inserire il vostro nominativo nell’elenco dei destinatari. Vi preghiamo di inviarci un’e-mail con il vostro indirizzo.

Ultima edizione

Soccorritore alpino no 47, dicembre 2022

Giornate indimenticabili a Montreux

Quest’anno il congresso della Commissione Internazionale del Soccorso Alpino (CISA) si è svolto in Svizzera, nella località di Montreux, e ha visto la partecipazione di 500 soccorritrici e soccorritori alpini provenienti da oltre 25 paesi. Il congresso è stato organizzato dal Soccorso Alpino Svizzera Romandia (SARO) e ha riscosso un grande successo. I responsabili delle organizzazioni membro della CISA hanno apprezzato nuovamente l’occasione di uno scambio diretto, proprio per l’impossibilità, negli ultimi due anni, di incontrarsi di persona a causa della pandemia. La CISA ha una grande rilevanza per la comunità internazionale del soccorso alpino. Le organizzazioni membro e l’industria si avvalgono questa piattaforma per lo scambio oltre i confini nazionali, sempre con lo stesso obiettivo: migliorare costantemente il soccorso alpino e la relativa sicurezza, e dunque il servizio alle persone in difficoltà. Le varie commissioni della CISA si occupano dei seguenti ambiti: soccorso terrestre, medicina d’urgenza alpina, salvataggio aereo e soccorso in valanga e, infine, le unità cinofile da soccorso in una sottocommissione. Lo scambio di esperienze e il trasferimento di conoscenze avvengono durante i congressi annuali in queste commissioni. Il loro lavoro ha sempre un impatto diretto sulla pratica del soccorso: in caso di necessità, la CISA emette le raccomandazioni elaborate dalle commissioni: ad esempio, la «Avalanche Resurrection List», a cui si fa riferimento nell’articolo sulle sacche d’aria per le vittime travolte in valanga, a pagina 7.

Il Soccorso Alpino Svizzero (SAS) è stato lieto di ospitare questa istituzione a Montreux: l’articolo nelle pagine seguenti presenta le impressioni sugli eventi del congresso di quest’anno.

PS: Abbiamo rivisto la veste grafica della nostra pubblicazione «soccorritore alpino». Con l’auspicio che sia di vostro gradimento, vi auguriamo una piacevole lettura.

Sabine Alder
Responsabile comunicazione e amministrazione SAS


CONTENUTO
Editoriale | Congresso CISA 2022 | «Sacca d’aria vs. vie respiratorie libere» | Comunicazione d’intervento | Soccorso in acque vive | Formazione | Elicottero di ricerca | Avvicendamenti personali | Equipaggiamento | Donne in montagna

download PDF

Right content

Archivio